Quale materasso scegliere

La scelta del materasso è importante perché dalla scelta dipende il corretto riposo notturno ma anche lo stato di salute: pensiamo alla presenza di acari ma anche allo stato della colonna vertebrale, soprattutto se esistono patologie a carico di questa. A molle, a portanza differenziata, in Memory Foam? Cosa e come scegliere.

I tipi di materasso

I materassi non sono tutti uguali, nemmeno nell’ambito dello stesso tipo. Prendiamo ad esempio i materassi a molle: le molle possono essere più o meno rigide e il materasso può vedere la presenza di un numero di molle insacchettate in misura diversa, realizzando capacità diverse di portanza verso il corpo.

In alternativa ai materassi a molle si possono considerare i materassi a portanza differenziata, costituiti da parti poliuretaniche di diversa densità in modo da permettere una portanza sul corpo di diversa entità in funzione della parte del corpo da sostenere.

Il Memory Foam è un materiale che ha la capacità di adattarsi alla forma del corpo dando il corretto sostegno ad ogni parte, senza rigidità o cedimenti che possono rappresentare elementi negativi per la qualità del riposo.

I materassi a molle

Il materasso a molle è costituito da molle indipendenti che sono insacchettate in un tessuto tecnico e posizionate a costituire la struttura base del materasso. Su questo piano di molle vengono posti strati di imbottitura per rendere confortevole il materasso stesso.

E’ evidente che il confort dipende anche e soprattutto dal numero di molle utilizzate, quanto più sono le molle, tanto maggiore è la qualità del materasso. Altra variabile importante è la rigidità delle molle.

Se le molle sono troppo morbide esiste il rischio che il corpo sprofondi, specialmente nelle sue parti più pesanti, realizzando una posizione durante il riposo scorretta, facilmente ti alzerai al mattino con dolori alla schiena.

Al contrario, se le molle sono troppo rigide, il corpo sarà obbligato ad appiattirsi sul piano del materasso, obbligando soprattutto la colonna vertebrale ad una posizione innaturale che porterà dolore ma anche altre parti del corpo vengono sottoposte a pressioni che conducono a dolore.

I materassi a zone differenziate

I materassi a zone differenziate sono costituiti da blocchi di materiale poliuretanico di diversa densità. Questo comporta che ciascun blocco, ciascuna zona, si caratterizza per una portanza diversa dall’altra, le zone differenziate, appunto.

Le parti più pesanti del corpo necessitano, ovviamente di una portanza maggiore per evitare che tale parte del corpo sprofondi nel materasso. Al contrario, la parte più leggera, la parte bassa dalla bamba, ad esempio, necessita di un supporto minore e una portanza ancora diversa è necessaria per la zona lombare.

I materassi a portanza differenziata sono a tre, cinque o sette zone. Quelli a tre zone sono ritenuti poco adeguati all’esigenza delle persone, quello a cinque ha una suddivisione di zone abbastanza adeguata ma se si vuole un materasso adatto anche e soprattutto a chi ha dei problemi alla colonna vertebrale, un ‘ernia, ad esempio, la scelta deve ricadere sul materasso a sette zone differenziate.

I Materassi in Memory Foam

Il Memory Foam è un materiale di ultima generazione che ha la capacità di adattarsi perfettamente alla conformazione del corpo, fornendo per ciascuna zona, per ciascuna parte del corpo il corretto sostegno.

Il Memory Foam, per la sua particolare caratteristica, si adatta a tutti, è come se ciascuno avesse il materasso su misura per se. Questo risolve anche il problema del materasso matrimoniale nel quale, a fronte della differenza di corporatura delle due persone che lo usano, una tenderà a sprofondare e l’altra riposerà bene o, viceversa, uno starà comodo e l’altro starà su una superficie troppo rigida.

Con il materasso in Memory Foam ciascuno avrà il giusto sostegno in relazione alle proprie caratteristiche fisiche. I materassi in Memory Foam hanno un costo superiore agli altri materassi ma la sua scelta rappresenta sicuramente la migliore possibile allo stato attuale della tecnica applicata al riposo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *